STORIE

Sharon Garibotto, la prima macchinista donna nel 2023

Esistono gli stereotipi sulle “donne al volante” anche per chi guida i treni? A quanto pare sì e i numeri fanno pensare. Eppure, c’è chi se ne frega!

Di treni ne prendiamo tanti, ma raramente ci chiediamo chi è alla guida.

Chissà se anche per il traffico ferroviario esista la credenza “donna al volante, pericolo costante” o se semplicemente, come in molti settori lavorativi, le donne non vengano neanche prese in considerazione.

Ricordo una volta di essere rimasta stupita per aver visto un’autista donna guidare l’autobus che mi portava a scuola ed è esattamente con lo stesso stupore che lo scorso otto marzo è stata accolta la notizia riguardante Sharon Garibotto, 35 anni e prima macchinista donna in Italia

Donne diverse, storie diverse

Originaria di Sestri Levante (Genova), Sharon Garibotto lavora per la Tua, il Trasporto Unico Abruzzese, e sulle linee del centro Italia: un mestiere scelto per passione, come spiega, perché il nonno da piccola le aveva regalato un treno di legno.

“Portare un treno non è solo prettamente maschile. Basta un po’ di tecnica, e poi passione e voglia.”

E il treno che Sharon Garibotto ha avuto l’occasione di guidare lo scorso otto marzo assume ancora più importanza dal momento che è dedicato a Sabina Santilli, storica attivista abruzzese per i diritti dei sordociechi e dei pluriminorati psicosensoriali nonché fondatrice dell’associazione Lega del Filo d’Oro.

La Garibotto è la prima donna all’interno di un personale composto da 18 macchinisti: assieme a lei sono state presentate anche tre nuove capitreno, ma i numeri rimangono comunque bassi.

Se si inserisce questo discorso in un contesto ancora più ampio, ovvero quello della difficile convivenza per le donne tra vita personale, famiglia e lavoro, allora le domande da porsi sarebbero molte.

Che peso hanno i pregiudizi?

Secondo uno studio condotto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in accordo con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, tra i settori caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna c’è proprio quello relativo ai “conduttori di veicoli, macchinari mobili e di sollevamento”, che avrebbe un gap pari al 96%.

E la situazione non migliora nei paesi esteri dove, invece, sembra addirittura peggiorare.

Tabella tasso di disparità uomo-donna

Un passo avanti importante quello di Sharon Garibotto, ma sicuramente non il punto di arrivo: anno dopo anno, stazione dopo stazione, ci prenderemo i nostri spazi. Come? Credendo di più in noi stesse, e uno dei tanti modi per farlo è attraverso un percorso di coaching e formazione.

Intanto, godiamoci il viaggio.

Irene Centola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!