Cari voi, a scalare montagne e ad attraversare deserti alla fine ci possiamo prendere gusto

Cara Miraja,

ti sento come una mia simpaticissima amica, sai ? E’ un po’ che volevo scriverti ma poi gli impegni me l’impedivano. Finalmente: eccomi a te! Volevo semplicemente complimentarmi con te e con il tuo modo nuovo di concepire il giornalismo. Le storie che racconti non solo commuovono, ma soprattutto aiutano a riflettere e a guardare la vita con speranza rinnovata. Certo, non è facile guardare la realtà che ci circonda con ottimismo, ma poi si conoscono storie come quelle di chi ha visto l’inferno ed è riuscito a risalire la china e allora… sì che ricominci a sperare e dici: “ce la posso fare pure io”! Non ti annoio con la mia storia fatta di un’infanzia difficile e di una brutta malattia che si è portata via entrambi i genitori mentre ero ancora alle elementari…ma ti voglio solo dire GRAZIE! Continua così!

Mirella

Cara Mirella,

quanto sei dolce! Grazie per le tue splendide parole, mi danno molta forza. Sai io sento la speranza dentro e il mio sogno è quella di diffonderla il più possibile. Sapere che leggendo i miei articoli le persone sorridono e sperano… beh, sono felice! Vorrei tu ricordassi sempre queste parole: ognuno di noi ha montagne da scalare, ostacoli da superare, deserti da attraversare. E tutti, tutti, tutti, possiamo farcela. Ad arrivare in cima e ricominciare, magari buttarsi in una nuova scalata. Ché poi va a finire che ci prendi gusto e in quel deserto ci fai la tua oasi perfetta. Infine, semmai vorrai raccontarci la tua storia, semmai vorrai condividerla, scrivimi via email nei contatti.

Buon miraggio,

Miraja

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!