All’Ariston di Gaeta una rivisitazione di “Frankenstein e Mary Shelley”

La Cantina Teatrale “La Luccicanza” il 28 aprile e il 18 maggio torna a teatro con una rivisitazione di “Frankenstein e Mary Shelley”ideata e diretta da Diego Sasso: ecco come assistere.

Il teatro è una forma d’arte che ci insegna ad aprirci agli altri e a mostrare i nostri sentimenti, anche quelli più reconditi. Il Desert Miraje Magazine promuove tutte le forme di espressività libera, a maggior ragione quando -come in questo caso- promuovono una visione lucida sul mondo e riflettono sulla natura umana.

Due serate “legate” fra loro ma allo stesso tempo indipendenti l’una dall’altra quelle che La Cantina Teatrale “La Luccicanza” ci farà vivere all’Ariston di Gaeta i prossimi 28 aprile e 18 maggio. Una rivisitazione ispirata, ideata e diretta da Diego Sasso di uno dei romanzi più significativi della letteratura mondiale e della sua stessa autrice: Frankenstein e di Mary Shelley.

Attrice de “La Cantina Teatrale La Luccicanza”

In un vortice creativo originale, fatto di recitazione sul palco e proiezioni video, vari personaggi creati dalla scrittrice accompagneranno lo spettatore tra ragione e ricerche, filosofia e scienza, letteratura e realtà, narrazione e riflessione: paralleli che caratterizzarono vita, pensiero e opere della Shelley. Lo stesso personaggio del Dottor Frankenstein, tormentato nelle sue ossessioni e prigioniero della sua stessa ricerca interiore, diventerà l’emblema dei contrasti ancora tanto attuali di una società formata da individui che ambiscono alla perfezione e si ritrovano invece a vivere in condizioni al limite della moralità e per nulla corrispondenti agli ideali cui dicevano di voler obbedire.

Attrici de “La Cantina Teatrale La Luccicanza”

L’inganno tra quello che appare e quello che realmente è. Sentimenti, aspirazioni, azioni, natura e umanità, cervello e cuore: un altalenante “sentire” che produce mostruosità che poi neppure corrispondono a canoni e luoghi comuni. La natura insegna l’amore, l’umanità è spesso preda dell’egoismo e, soprattutto, delle conseguenze che esso comporta in termini di non accettazione, rifiuto delle diversità.

Chi ci salverà, allora? LA LETTERATURA O LA SCIENZA????

Nella locandina qui sotto tutte le informazioni per partecipare, dove comprare i biglietti e il loro costo: 12 euro per un solo spettacolo, 20 euro per entrambe le serate. 

Biglietti in prevendita a Formia presso il Bar Vittoria, a Gaeta presso Ottica Karma e a Itri presso Bix Café.

La locandina delle due serate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!