Giovani oasi, arrivederci: il motore della vita è la gratitudine

Qual è il motore della vita secondo Desert Miraje™? La gratitudine. Che nasce dall’entusiasmo. Che nasce dalla passione. Che nasce dalla vita.

E abbiamo vissuto momenti indimenticabili questa estate a Gaeta, in provincia di Latina. Grazie a Giovani oasi si raccontano, abbiamo conosciuto ragazzi e ragazze incredibili. Sensibili, forti, emozionanti, caparbi, artisti. Abbiamo avuto modo di fare rete sul territorio, di essere il collante di grandi emozioni, di fiducia, di speranza.

Ecco perché non possiamo che ringraziare.

Grazie al Comune di Gaeta per aver creduto in noi e per averci spianato la strada, sempre. Grazie al sindaco Cosmo Mitrano e alla delegata alle Politiche Sociali Lucia Maltempo. Grazie di cuore.

Grazie alle splendide location che ci hanno ospitato: Bastione La Favorita, con la meravigliosa terrazza sul mare del Golfo, grazie all’ATS La Cittadella che ha collaborato con noi per la serata del 10 agosto. Grazie alla Piazza Goliarda Sapienza, tra i colori dei panni stesi e le piccole attività del borgo, vero ventre della città. Grazie anche alla Pinacoteca Antonio Sapone e all’associazione Novecento per la disponibilità e la fiducia.

Grazie agli sponsor, tantissimi, che hanno investito in questo nuovo format, a scatola chiusa. Grazie a tutti i giovani imprenditori che hanno creduto con noi in un sogno e grazie anche a quelli più grandi che ci hanno aiutato a realizzarlo.

Grazie ai partner di Reti solidali, che con gratitudine sono venuti come ospiti a raccontarsi, a diffondere solidarietà.

Grazie ai media: giornali, TV, radio, web, social che ci hanno supportato e che hanno contribuito a diffondere il nostro spirito con la luce e la stima. Grazie.

Grazie a chi ha collaborato nell’organizzazione: Vittorio, Irene, Claudia, Emy, Lino, Salvatore, Rossella.

Grazie a tutte quelle mani preziose che si sono proposte di aiutarci a spostare tavoli, a sistemare sedie, a sollevare pesi, a portare piante, a montare e smontare attrezzature, a pulire e ripulire.

Ma il grazie più grande va a loro, protagonisti delle storie che arrivano alla pancia delle persone. Coraggiosi, forti, sensibili, grandiosi. Che senza timori né veli si sono raccontati: Rita, Fortuna, Andrea, Valeria, Laura con il suo cagnolino Jack, Federica con la Clean Up Gaeta-Formia, Dario, Matteo, Mary, Irene, Sibiri, Antonio, Giulia, Diego, Dajana, Chiara, Andreea, Life Crew Company. Ognuno di voi ci ha lasciato un pezzo di cuore tra le mani. Ognuno di voi ci ha lasciato un miraggio, vivo, splendente, come il sole nel deserto. Le vostre testimonianze hanno trasformato le difficoltà in opportunità, gli ostacoli in trampolini. I deserti in oasi. I miraggi in realtà.

Grazie a chi ha donato, partecipando alle serate o semplicemente alla lotteria.

E grazie anche a voi, ultimi ma non di importanza, che ci avete letto, condiviso, commentato, ispirato, suggerito, incoraggiato e anche criticato. Proprio le critiche ci fanno crescere e ci ricordano che non c’è posto più bello per volare che sul filo dell’acqua. Per poi con un grande balzo tuffarsi nel cielo.

Continuate a seguirci, presto i vincitori della lotteria solidale e la consegna degli assegni a Reti Solidali.

https://www.facebook.com/desertmiraje/

https://www.instagram.com/desertmiraje/

https://www.desertmiraje.it/

Buon miraggio!

Miraja

Giornalista del ventre 

“Storie che arrivano alla pancia delle persone”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!