Musa, Preghiera ai violati e Rimanenze: tre poesie di Rita Nappi

 MUSA  
  
  
 Celo parole già dette per scoprirne altre,
 scavo nel profondo perché meriti il mio nuovo cuore.
 Doni e dai, anche nei plumbei cieli grigi di giorni nati storti.
 E vorrei poterti regalare il tic tac del tempo,
 il batter ciglio,
 l'istante dopo aver goduto,
 la tremante voluttà dell'attimo prima del bacio,
 il sole allo zenit...
 Se mi fermo è solo per raccoglierti 
 e ripartire.
 Siamo oltre.
 E mi accorgo che il rigo della pagina è troppo breve,
 perché tu sei poesia.
 Inenarrabile.
  
  
  
 PREGHIERA AI VIOLATI
  
 Che questo reato sia di monito
 a tutti le genti indifferenti.
 A chi fa spallucce,
 a chi gira le spalle,
 a chi tace e acconsente.
 Ché la libertà sia un marchio sul cuore
 e non un alibi,
 l'umanità dovrò vivere seguendo una regola
 Amare.
 Io non confido più nel prossimo,
 né nel mio come me stesso.
 Confido nella luce filtrata dalle foglie,
 dal flebile vento d'estate,
 dal battere le mani per ringraziare.
 Confido nei fanciulli di prima,
 non di oggi.
 E temo che sia troppo tardi:
 sento addosso questo macigno di ingiustizie.
 Tutto è fuorviante,
 confuso e sterile.
 Mi avete strappato le vesti, 
 la pelle,
 i miei stessi occhi...
 E il senso dell'innocenza.
 Voi non siete più ieri.
  
  
  
  
 RIMANENZE
  
 Quel po' di me che resta
 emerge e sfavilla
 d'improvviso s'abbassa,
 s'increspa e inciaspa.
 Mi tengo a freno:
 vorrei, ma non posso.
 E tutta la vita che scorre davanti
 non si ferma un secondo.
 Non riesco ad allungare il dito
 neanche a quel Dio che mi ha tanto proibito.
 Resto o vado via?
 Alibi e scommesse, per chi come me
 gioca a carte con la morte.
 Voialtri non v'accostate, non v'affacciate
 negli occhi, pensate di sapere...
 E invece quel po' di me che resta lo lascio lì
 a me stessa.


Rita Nappi 
  
   

Un pensiero su “Musa, Preghiera ai violati e Rimanenze: tre poesie di Rita Nappi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!